La piccola Fiera della Paura

73504719_630701150668304_31

Quando si mette piede alla piccola Fiera della Paura si parte per un viaggio nel mondo dello sconosciuto, del fantastico e dell’inspiegabile, verso una delle emozioni più temute e affascinanti dell’animo umano, di cui nessuno, ma proprio nessuno, può fare a meno. Una fiera per bambini, ma anche per adulti, che ha il sapore d’antico, d’infanzia, di coperte, polvere e fieno, un luogo dove crescere o tornare bambini, avvicinandosi senza timore alla paura. La piccola fiera è una stravagante attrazione fatta di tanti piccoli spettacoli, che attraversando fiumi e monti dell’Emilia e della Romagna, fanno rivivere creature fantastiche estinte (o quasi), ninne nanne spaventose, fantasmi e modi di dire ormai dimenticati. Richiamati dalle parole di un beffardo ciarlatano imbonitore, bambini e adulti potranno assistere ai tre spettacoli del Teatrino lambe lambe “Mostri di nebbia” e ascoltare le storie del Teatro a manovella Crankie dedicate a due famigerati fantasmi emiliani e osservare da vicino rarissimi reperti appartenenti ai misteriosi mostri padani…

La piccola fiera della paura nasce da una ricerca sul patrimonio immateriale di origine popolare dell’Emilia Romagna, sul mondo del filò, della stalla e della fiaba orale. Attorno a questa ricerca la compagnia Officina Teatrale A_ctuar di Ferrara ha costruito dei particolarissimi spettacoli, che attraversando fiumi e monti dell’Emilia e della Romagna, fanno rivivere creature fantastiche estinte (o quasi), ninne nanne spaventose, fantasmi e modi di dire ormai dimenticati.

…ed ecco a voi gli spettacoli!

 

2a

Mostri di Nebbia
Piccolo teatro d’ombre
dedicato ai mostri del fiume Po

Mostri di nebbia” sono tre micro spettacoli, per uno spettatore alla volta, che fondono teatro d’ombra e narrazione: bambini e adulti potranno sbirciare dentro il piccolo teatrino itinerante, per compiere un suggestivo viaggio nel passato e nel mondo della paura. “Mostri di nebbia” custodisce le antiche storie delle genti del Po dedicate alle creature fantastiche nate dalla fantasia popolare emiliana. La Borda, il Mamon, la Biscia lattona, il Barabanen sono nati per trovare risposte all’inspiegabile e per tenere lontani i bambini dai pericoli. Oggi sono pressoché estinti e sopravvivono solo nella memoria delle genti cresciute lungo il fiume. «Un tempo le fiabe non erano mai dolci»: sono queste le parole pronunciate all’inizio delle storie di “Mostri di nebbia”, per ricordare che un tempo si nasceva e si cresceva a stretto contatto con la paura, un’emozione sana e liberatoria, da cui spesso i bambini di oggi sono tenuti a debita distanza.
Gli spettacoli del teatrino sono: 
Mostri di fiume _ Mostri di palude _ Mostri del focolare.

 

***

fant2Questi Fantasmi
Teatro a manovella Crankie e teatro lambe lambe

Ogni città ha il suo fantasma, e noi vi raccontiamo le storie di quello di Guastalla e di Ferrara, spettri che oltre ad una città da infestare hanno anche un nome, una professione e uno pseudonimo: uno è Marco Tondo e l’altro Chiozzino, uno era soldato l’altro mago, il primo era detto “Il fantasma del campanon” e l’altro “l’urlon dal Barc”. Le storie dei due fantasmi sono frutto della fantasia popolare, cucite addosso a due personaggi veramente esistiti e la cui vita è passata alla leggenda a causa di alcuni fatti insoliti. Questi fantasmi! s’ispira alle antiche figure dei cantastorie di piazza, che affiancavano alle loro narrazioni immagini dipinte su cartelloni o fogli vomima-2022-075lanti, per accendere la fantasia degli ascoltatori. In questo caso le storie sono narrate attraverso uno speciale teatro a manovella, detto cranckie, che contiene un rotolo di carta lungo 20 metri su cui si sviluppa la storia dei due fantasmi emiliani. Ogni storia dura 10 minuti e vi promette di tenervi con il fiato sospeso! Gli spettacoli possono essere anche visti e ascoltati anche con il teatro a manovella in miniatura: le storie durano tre minuti ciascuno! Gli spettacoli del teatrino a manovella sono: Il fantasma di Guastalla _ L’urlon dal Barc di Ferrara _ Il biscione di Cotignola


***

Ma non è finita qui….

Tra uno spettacolo e l’altro il ciarlatano, imbonitore, cantastorie e venditore di paure “Mister Max” mostrerà alla folla curiosa rarissimi reperti appartenenti ai misteriosi mostri padani…

8

Crediti

Piccola Fiera della Paura
Di Officina Teatrale A_ctuar
Durata: 3 ore
Produzione 2022
Spettacoli: “MOSTRI DI NEBBIA”, “QUESTI FANTASMI” , “REPERTI DI INCREDIBILI CREATURE”
Gli spettacoli sono programmati ad orari diversi nell’arco della giornata, in modo da permettere a tutti di assistere alle diverse attrazioni delle fiera.
Attori coinvolti: 2 (Sara Draghi e Massimo Festi)
Genere: narrazione, teatro d’ombre lambe lambe, teatro a manovella
Età consigliata: dai 3 ai 99 anni
Trailer piccola fiera della paura: LINK
D
isponibile in italiano, francese, spagnolo, inglese

FESTIVAL: “Museo Storico della Giostra e dello Spettacolo Popolare”, Bergantino (RO) – “MAPU” Festival Internazionale del Teatro di Figura, Parco di Villa Breda a Campo San Martino (PD) – “OPEN FESTIVAL” Teatro Urbano e Nouveau Cirque, Mantova – “Artisti in Piazza” Festival Internazionale di Arti Performative, Pennabilli (RN) – “Nell’Arena delle balle di Paglia” Cotignola (RA) – FIGURIAMOCI Rassegna itinerante di teatro di figura e arti di strada a Fener (BL) – MiMa Off Festival di Marionette di Mirepoix (Francia) – AN GHIN GO’, Finale Emilia (MO) – TUTTI MATTI PER COLORNO, Reggia di Colorno (PR).  

1 2 3 5 6  20220902_212335 305308331_572869731300331_886327973947496638_n B  p1 officina-teatrale-a-ctuar-01

I commenti sono chiusi